Wine tour a Montalcino

La Toscana è famosa per i suoi vigneti, quindi, perché non provare la bella esperienza di trascorrere una giornata tra le verdi colline toscane e assaporare le prelibatezze del luogo!


Avendo in mente di assaggiare buon vino toscano, ho deciso di affidarmi all’esperienza di un autista privato. Pick up in piazza Santa Maria Novella alle 10:00 con pausa pranzo in un ristorantino tipico a Monteroni (Il ConteDino) per mangiare tagliatelle al ragù di cinghiale, e un’ottima tagliata cucinata sul fuoco davanti ai nostri occhi. Carichi ed entusiasti ci siamo rimessi in macchina per una passeggiata a Montalcino: caratteristica località in provincia di Siena, nota per la produzione del vino Brunello.

Montalcino non è soltanto la città del Brunello, è un incantevole borgo medievale circondato da una possente cinta muraria e dominato da un antico castello. La vista dalla cima della città è magnifica, ci si perde nell’ammirare le fantastiche colline senesi.
Le stradine ed i vicoli di Montalcino sono davvero incantevoli e il borgo è il luogo ideale dove poter passeggiare tra il labirinto di deliziosi negozi di arti e mestieri, caffè, ristoranti e wine bar. Se volete portare a casa una bottiglia del superbo vino, siete nel posto giusto!

Una volta finita la nostra piacevole passeggiata partiamo verso una delle tante cantine che producono il Brunello e in particolare scegliamo Abbadia Ardenga, la scegliamo per la gentilezza di uno dei capostipiti della famiglia che ci accoglie con un caloroso saluto!

La cantina è molto piccola – ma la tenuta si estende per 650 ettari – ma è interessante anche perché è una cantina museo. Qui si trovano un buon numero di reperti in genere molto semplici, ma tutti originali, in prevalenza dei secoli XIX e XX.


Nei primi decenni del 1900 si diffusero in agricoltura forze propulsive nuove come i motori a scoppio e soprattutto l’energia elettrica, quindi la maggior parte delle attrezzature usate fino a quel momento cominciarono ad essere sostituite, abbandonate e distrutte. Gli attrezzi che oggi sono appesi ai muri della cantina museo sono sopravvissuti alla distruzione.

Dopo la visita è arrivato il momento della degustazione: ci è stato spiegato come avviene il processo per la fermentazione e l’affinamento del vino e poi, seduti a tavola, abbiamo assaggiato il vino Rosso di Montalcino DOC, DOCG i il Riserva, il tutto accompagnato con cacio pecorino, pane e prosciutto.

 

E infine un brindisi con un assaggio della Grappa di Brunello Riserva, rigorosamente guardandosi negli occhi e strofinandosi le ultime gocce rimaste nel bicchiere tra le mani per annusarne la vera essenza (cosi ci viene spiegato tra una risata e l’altra!).

Una giornata intensa e indimenticabile, alla scoperta della bella Toscana e dei suoi ottimi vini.

 

Ecco i riferimenti

Ristorante il ConteDino
Via Cassia Nord, 1444, 53014 Monteroni D’arbia (SI)
www.ristorantecontedino.com

Abbadia Ardenga il Poggio
Via Romana, 139, 53024 Torrenieri (SI)
www.abbadiardengapoggio.it

You may also like

SCRIVI UN COMMENTO

Recent Entries

Facebook

Ultimi ritocchi alle nuove camere. Ancora qualche giorno e saranno perfette!

Last touches to the new rooms. A few more days and they will be perfect!
...

View on Facebook

Buonasera ho trovato questa foto in un archivio spero vi faccia piacere... ...

View on Facebook

www.facebook.com/labuonanovellaGHM/posts/348440992217688:0 ...

Fuori di Taste 2017 - C'era una volta...il grano ...e per finire in bellezza Pane, olio e cioccolato

View on Facebook

ULTIMI TWEET

Instagram